DONATI PER AMORE

5ª DOMENICA DI QUARESIMA

Se uno mi vuole servire, mi segua, dice il Signore, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. 

LA PAROLA

DAL VANGELO SECONDO GIOVANNI (Gv 12,20-33) In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: “Signore, vogliamo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: “È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome”. Venne allora una voce dal cielo: “L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!”. La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: “Un angelo gli ha parlato”. Disse Gesù: “Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me”. Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire. 

DALLA PAROLA ALLE IMMAGINI

DALLE IMMAGINI ALLA PREGHIERA

Attiraci a te, Signore 

Signore Gesù, davanti a te che muori in croce non è facile trovare parole che non siano scontate, inadeguate, superflue. 

Ora che, attraverso la croce alta sulla terra, sei stato innalzato alla destra di Dio ti chiediamo di ottenere per noi una fede adulta, consapevole e coraggiosa. 

Signore Gesù, ora che sei stato innalzato, attira tutti a te! 

Attira a te gli occhi, le menti, i cuori di tutti, anche di coloro che vorrebbero toglierti dalla loro vista, e rivelati a tutti come segno e strumento di speranza. 

A noi che, umilmente, crediamo in te, dona la forza di rinnegare noi stessi, cioè di non mettere mai il nostro io al posto di Dio, di prendere la nostra croce ogni giorno e seguirti, per essere, nel nostro piccolo, segno e strumento di speranza.

Preghiera di Tonino Lasconi 

Fonte: Paoline.it